News

Pietro Monitillo ha la tipica freschezza del giovane imprenditore. Si definisce un portatore dinamico dei segreti dell’artigianato. Persona cortese e per certi versi vulcanica, in pochi mesi si è ritagliato un ruolo di interprete delle piccole scosse telluriche generate dal design nel tessuto produttivo regionale. La sua parola chiave è “rete”, fare rete, dare priorità agli asset relazionali prima ancora che a quelli economici, come vigile urbano al centro di un incrocio si impegna a far circolare le idee per rimettere in moto i processi di collaborazione alla base di ogni progetto di ampia portata. Pietro Monitillo, nella sua esperienza di imprenditore chiamato a dare forma e vita a blocchi pesanti di materiale lapideo, conosce molto bene il pericolo dell’immobilismo e dell’insensibilità ai venti del cambiamento.

Chi è Pietro Monitillo?

Pietro Monitillo, diplomato geometra, è un sostenitore dell’artigianato di qualità e della formazione continua. Dal 2001 entra a far parte della azienda familiare Monitillo Marmi di Altamura, ricoprendo il ruolo di tecnico della produzione e formatore di nuove leve artigiane. Dal 2007 si occupa di ricerca e sviluppo fino ad ideare, nel 2010, un “Laboratorio di IDEE” nel centro storico di Altamura, con l’obiettivo di farlo diventare uno strumento innovativo al cui interno si generano nuovi processi comunicativi che consentono di liberare la creatività, l’intelligenza, e l’energia delle “persone”. Tutto ciò per cercare e realizzare nuove soluzioni, mettendo a disposizione Esperienza + Conoscenza sul mondo dei manufatti in Pietra Naturale. Nel 2011 fa aderire la Monitillo Marmi alla Compagnia delle Opere (CDO) e nel 2012 consegue il diploma Master 24 “Management e Leadership” alla Business School de “Il Sole 24 Ore” a Milano. Grazie anche al laboratorio di idee, nel 2013 porta avanti l’idea della condivisione in maniera più tangibile, creando una sorta di collaborazione tra aziende di settore complementari che si traduce nella rete di imprese “SMEtwork” costituita da: Monitillo Marmi, Damiani Marmi di Bari e Pietram di Aradeo (LE) e altre 3 aziende di secondo livello. Dal 2014 è socio ADI (Associazione per il Disegno Industriale).

Di cosa si occupa la Monitillo Marmi e quali sono le traiettorie di innovazione ad oggi individuate?

La Monitillo Marmi è un’impresa a conduzione familiare, composta da Francesco e dai suoi tre figli: Pietro, Lilla e Michele. Oggi propone artigianato di qualità su manufatti in pietra naturale, basato su ricerca, innovazione e cura dei dettagli, in sintesi il perfezionismo dell’idea applicata alla materia. Ne sono testimonianza i progetti di Design come Percorsi di Pietra - Exa – Le Pietre di Monitillo. Le traiettorie di innovazione saranno basate sulla spinta a creare nuove iniziative attraverso l’affiancamento di conoscenza (Centri di ricerca, Università, giovani talenti, Associazioni, Distretti) e sulla volontà di crescere, sulla necessità di confronto e sul desiderio di ribellarsi all’attuale contesto per generare un cambiamento reale. Tra le scommesse del futuro rilevo come strategiche l’adozione della certificazione di qualità e l’esportazione in altri mercati capaci di apprezzare la storia concreta e le opportunità offerte dal saper fare altamurano.

Il design, per la Monitillo Marmi, è più uno strumento di comunicazione o una reale possibilità di business? Ci descriva l’origine e le ambizioni della Rete SMETWORK.

Dopo aver dato alla luce un “Laboratorio di idee”, i tre figli si sono confrontati con le nuove sfide aziendali, incrementando da una parte la rete di relazioni b2b con aziende e consorzi in tutta Italia,- partecipando a fiere, incontri bilaterali, workshop e fornendo sempre la massima ospitalità a nuovi confronti con qualificati professionisti, dall’altra, favorendo una proficua collaborazione con i centri di ricerca e le università. Il design aziendale si evolve ulteriormente, unendo alle caratteristiche dei materiali, nuove ed eleganti Visioni, conseguenti da un aggiornamento continuo. Al momento per noi Design è comunicazione, è espressione, è emozione che conduce all’azione. Il cambiamento di paradigma genera la Rete SMEtwork, progetto che prende forma grazie all’ascolto e alla capacità dei professionisti del CETMA. Insieme generiamo un prodotto Icona “APULIA STONE BENCH” che portiamo in giro per l’Italia e subito capace di identificare il network da poco costituito. La rete Smetwork in questo primo anno ha ideato una linea di prodotti Outdoor presentata all’HOMI di Milano nel settembre 2014, coinvolgendo designer pugliesi radicati in altre città italiane ed estere, con l’utilizzo di pietre pugliesi, e valorizzando due temi: ACQUA e RITORNO A CASA.

Ci racconti qualcosa dell’APULIA STONE BENCH

Questo prodotto-icona della SMEtwork ci identifica sia nella forma, in quanto imprese pugliesi, che nella struttura, composta dai materiali dei 4 bacini estrattivi pugliesi, per trasferire il messaggio che il network è costituito da imprese e professionisti operanti in diverse aree della Regione. Con APULIA STONE BENCH e il Campionario dei 29 Marmi e Pietre Pugliesi abbiamo iniziato l’avventura della rete partecipando al Matching di Milano in CDO nel 2013. Successivamente abbiamo portato la panchina in Triennale a Milano con hABITAPULIA, dove è stata selezionata per la pubblicazione di Settembre su AD con il titolo “Oggetti e lavorazioni che raccontano storie Millenarie”. Sono stati inoltre sponsorizzati gli eventi Culturali “Salone del LIBRO” (Pensare oltre) e “Ostuni POP” (AGEF). La panchina è stata inoltre installata nella mostra “Sognatore di opera Grave”.

La collaborazione con il CETMA. Benefici e impressioni raccolte durante l’esperienza di collaborazione.

Sono entrato in contatto con il CETMA per delle esigenze aziendali, grazie ad un imprenditore che mi ha accompagnato in questo consorzio. Quando esponevo le mie esigenze, loro capivano il mio bisogno, parlavamo la stessa lingua. Non mi era mai capitato, la conoscenza è carburante per le idee! A questo punto trovo delle persone giuste (serietà-competenza-flessibilità) per lanciare una sfida, un cambiamento che ho sempre cercato di coltivare: generare vantaggi reciproci, eliminando il mondo degli sprovveduti (noi artigiani facciamo parte di questo aondo). Ad oggi, grazie anche al CETMA, abbiamo lanciato l’Idea SMEtwork (Small and Medium Enterprises at work) con l’obiettivo di essere una realtà all’avanguardia investendo in ricerca, in cultura e in formazione, elementi fondamentali per la crescita, le basi del nostro percorso. In questo primo anno abbiamo già strutturato, come rete d’impresa, un primo progetto di ricerca.

Cosa si aspetta dal futuro?

La nostra sfida parte da due assunti: “dal Futuro dipende chi non capisce di dover agire nel presente” e “non possiamo prevedere il futuro, ma lo possiamo inventare…”. Il futuro si baserà sulla nostra volontà e capacità di affrontare l’intreccio tra la creatività dei singoli individui e l’innovazione come obiettivo collettivo.



APULIA STONE BENCH – CETMAdesign – (RCD 002556472-0001)



Pietro Monitillo

Production and R&D Manager, Monitillo Marmi S.r.l.

Via Matera 70022 Altamura (BA) - ITALY

tel. +39 080 311.23.25

pietro@monitillomarmi.it

www.monitillomarmi.it






VENTI.VOLTE.VOLTI. è un progetto della divisione di Design del CETMA.

© Copyright – CETMA 2016 - Tutti i diritti riservati

Ogni diritto sui contenuti del progetto è riservato ai sensi della normativa vigente. La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, di tutto il materiale originale contenuto nel progetto VENTI.VOLTE.VOLTI (tra cui testi, immagini ed elaborazioni grafiche) sono espressamente vietate in assenza di autorizzazione scritta.