News

Fa un certo effetto dover riconoscere che anche i giovani talenti pugliesi siano costretti, per emergere, a doversi giocare la partita negli appena cinque minuti concessi da un tipico discorso in ascensore. Anche perché dei tanti ragazzi promettenti conosciuti in questi anni, molti di essi non abitano in grattacieli (anzi spesso al piano terra in zone rurali) e se proprio devono raggiungere i piani alti degli uffici del potere usano le scale per ripetere e allenarsi. E’ stato proprio seguendo un elevator pitch che abbiamo apprezzato le doti comunicative, la passione e l’intraprendenza di Vanessa Coppola, quando nel 2014 eravamo “avversari” tra i finalisti della Start Cup Puglia. VinOled, la sua creatura, profuma di vinile, negramaro, luce e tecnologia, è un percorso musicale ed inebriante per fare diversamente moda alle nostre latitudini. Quella che segue è una giovane intervista, la più giovane impresa di questa rubrica, figlia della generazione Valore Assoluto che nasce e non muore, ma si fa strada, si emancipa per non essere schiava di nessuno e per provare a dettare, una volta tanto in un percorso geografico bottom-up, idee, stili e tendenze. A voi l’outfit VENTI.VOLTE.VOLTI. del mese!

Chi è Vanessa Coppola?

Classe ’86, laurea con lode in Economia e Management con indirizzo Controllo di Gestione all’Università del Salento. Master all’estero in ICT presso la Vistula University di Varsavia. CEO e Co-founder della startup innovativa Vinoled Srl che le ha portato, fra vari riconoscimenti, anche quello di “Donna Eccezionalmente Creativa” da parte dell’associazione ITWIIN “Donne Inventrici e Innovatrici” di Ancona nel 2014.

Con la sua azienda sogna di dimostrare che la scelta di non lasciare la propria terra investendo sulle proprie idee è vincente, in un’ottica di crescita personale e professionale, anche estesa ad altre risorse umane. Allo stesso tempo crede che, qualsiasi cosa le riservi il futuro, avrà sempre modo di reiventarsi e di migliorare i suoi prodotti. E’ membro del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria di Lecce ed associata di The Qube, comunità che persegue finalità di aggregazione sociale tra persone, aziende, enti e organizzazioni che condividono la ricerca scientifica, lo sviluppo di soluzioni innovative e l’accelerazione dello sviluppo di imprese attraverso una serie di servizi. Fare impresa per lei è una sfida quotidiana, e sa bene che spetta ai giovani portare l’innovazione per avviare il cambiamento.

Di cosa si occupa VinOled e quali sono le traiettorie di innovazione ad oggi individuate?

VinOled Srl è una start up innovativa che realizza borse hi-tech & luxury dotate di luce OLED (Led organico) e carica batterie interni. Si tratta di un prodotto Made in Italy innovativo nel design e nella funzionalità: nuovi modelli di borsa realizzati con pelli pregiate come pitone e pesce di razza con all’interno soluzioni a bisogni frequenti fra cui trovare un oggetto in condizioni di scarsa luminosità, ed avere una fonte di ricarica per il proprio smartphone ed altri device di vario tipo. A differenza dei competitor, VinOled Srls è l’unica realtà ad utilizzare la tecnologia OLED, che permette di avere prodotti ad elevate prestazioni di luminosità e ridotto impatto ambientale, altamente flessibili, leggeri e di ridotte dimensioni. Solo a titolo informativo seguono i principali bandi, premi e riconoscimenti ottenuti nella breve storia della start up:
Bandi:

  • Valore Assoluto 2.0 (Camera di Commercio di Bari) anno 2014;
  • Disegni +2 (UnionCamere) anno 2015.
Premi e Riconoscimenti:
  • Menzione della rivista 0 del Magazine online “Segreti di moda” www.segretidimoda.it, anno 2015;
  • Premio Green Business Innovation - A.R.T.I. Puglia, Consulting Report by CETMA Brindisi, anno 2015;
  • “La battaglia delle Idee”, Ninja Marketing e Ninja Academy, Milano, anno 2015;
  • Menzione sulla rivista IO DONNA, 2015;
  • Premio “Donna Eccezionalmente Creativa” ITWIIN Associazione Italiana Donne Inventrici e Innovatrici, Ancona, anno 2014;
  • Finalista in "StartCup Apulia", Bari, anno 2014.

“LON: Borse Hi-Tech & Luxury”. Sul web vi presentate così, amore per le borse, tecnologie avanzate e dichiarata evoluzione verso il mercato del lusso. Nel vostro settore, vale di più un buon prodotto o una buona comunicazione? E se vale di più il prodotto, quale soglia qualitativa deve essere superata per finalizzare un processo di acquisto?

Il settore lusso possiede precise caratteristiche e segue delle logiche che lo differenziano nettamente dagli altri settori. Sono di fondamentale importanza l’alta qualità e l’esclusività dei materiali, del design, e il livello di vicinanza ad uno status per un élite che fa dell’acquisto di un bene una scelta molto consapevole, anche per quanto riguarda il prezzo.

Inoltre un buon prodotto non arriva all’utente finale senza un canale comunicativo che sia conformato alle logiche del settore. Per queste ragioni, puntiamo al cuore delle donne e sapendo di dover utilizzare la loro lingua, ma allo stesso tempo vorremmo distinguerci in maniera innovativa anche in quello. Vedremo.

Le vostre borse sono un concentrato di tecnologia, un vademecum di dispositivi “celati” pensato per la donna dinamica. A suo avviso, le borse RAYBAG e MARYLIN saranno acquistate principalmente per favorire la costante connessione con il mondo richiesta dalla donna imprenditrice o per garantire chiamante d’emergenza e reperibilità in una società sempre più insicura e violenta? Siamo davvero così schiavi delle batterie?

Non siamo schiavi delle batterie, ma protagonisti dell’emancipazione femminile e dell’operosità tipica di questo secolo. Noi donne siamo operative a qualsiasi ora del giorno e della notte, abbiamo mille impegni e veniamo costantemente stimolate dal mondo esterno. E il mondo esterno interagisce con noi più volte al giorno perché abbiamo degli strumenti che ce lo permettono. Tutto questo è frutto dell’innovazione e dello sviluppo della tecnologia che infatti facilita molte operazioni, e di conseguenza migliora il nostro stile di vita. Ovviamente sono cambiate molte abitudini e, quindi, necessità. Da qui la mia idea di rispondere ad alcune di esse, indirizzandomi alla donna imprenditrice e dinamica.

La collaborazione con il CETMA. Benefici e impressioni raccolte durante l’esperienza di collaborazione.

Grande professionalità e competenza sono state dimostrare fin dall’inizio della nostra collaborazione e per tutta la durata del servizio da parte del CETMA. Ritengo in particolare di aver beneficiato di una consulenza eccellente da parte delle risorse assegnate dal CETMA alle specifiche richieste del mio progetto ed ho intenzione, se le condizioni me lo permetteranno, di includere nuovamente il CETMA anche per prossime iniziative che probabilmente riguarderanno lo sviluppo della componente tecnologica delle mie borse.

Cosa si aspetta dal futuro?

Una startup non entra sul mercato in poco tempo. Abbiamo molto lavoro da fare ma io ed il mio team siamo molto uniti e determinati per continuare e vedere realizzato il nostro sogno. Ci aspettiamo quindi di seguire il nostro percorso, cogliendo sempre tutte le opportunità e le novità che incontreremo di volta in volta.



Borsa RAYBAG - CETMAdesign – (RCD 002551861-0002) - Ph. Antonio Leo – Photographic Works



Vanessa Coppola

CEO & CO-FOUNDER, VinOLED S.r.l.s

Via Assisi 14, 73100 Lecce - ITALY

tel. +39 389 7992953

vanessa@loveb.it

www.loveb.it






VENTI.VOLTE.VOLTI. è un progetto della divisione di Design del CETMA.

© Copyright – CETMA 2016 - Tutti i diritti riservati

Ogni diritto sui contenuti del progetto è riservato ai sensi della normativa vigente. La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, di tutto il materiale originale contenuto nel progetto VENTI.VOLTE.VOLTI (tra cui testi, immagini ed elaborazioni grafiche) sono espressamente vietate in assenza di autorizzazione scritta.