Le nostre tecnologie

FORMATURA DI COMPONENTI IN MATERIALE COMPOSITO A MATRICE TERMOPLASTICA (BIM-5)

CETMA è in grado di affrontare l’ottimizzazione del processo di stampaggio a compressione per compositi termoplastici per la produzione di componenti in maniera sistematica, garantendo la definizione di procedure da adottare per minimizzare e gestire i difetti e per effettuare un preriscaldamento adeguato della preforma.

Lo stampaggio a compressione non isotermo di materiali compositi a matrice termoplastica a fibra continua è un processo che da alcuni anni viene utilizzato per specifiche produzioni di componenti in composito. La diffusione industriale di tale processo è tuttavia spesso limitata dalla difficoltà che incontrano le aziende nell’affrontare alcuni aspetti critici ad esso legati, come la necessità di gestire le difettosità che si generano in termini di grinze, rottura delle fibre, spostamenti anomali delle fibre, delaminazioni tra i ply. Un altro aspetto critico è legato alla fase di preriscaldamento in forno: il materiale deve essere riscaldato a temperature di circa 20°C superiori alla temperatura di fusione della matrice termoplastica, ma nello stesso tempo occorre evitare il rischio di degradazione del polimero.

Grazie alle esperienze e al know-how acquisiti, CETMA è in grado di eliminare alcune difettosità generate durante il processo, e di gestirne opportunamente altre. La profonda conoscenza dei meccanismi connessi con il riscaldamento a raggi infrarossi e dei processi di degradazione dei polimeri termoplastici, consentono di formulare procedure di riscaldamento che garantiscono il raggiungimento della temperatura necessaria in tutta la preforma, senza rischi di degradazione.

Le soluzioni sviluppate si applicano ai settori aeronautico, automobilistico, sport & tempo libero, arredo.