News

Drawing Egnazia

Il territorio pugliese negli ultimi anni è diventato meta turistica di moltissime persone che mosse dalla bellezza del territorio e dalle sue risorse decidono di venire a trascorrere le loro vacanze. Per questo motivo, l’area archeologica situata tra Brindisi e Bari è oggetto di visite che coniugano la bellezza naturale del territorio e la tecnologia.

L’area archeologica tra Brindisi e Bari quest’estate, dal 16 giugno al 13 agosto, fungerà da palcoscenico, ospitando un’installazione video-artistica per iper-visualizzare il territorio con ricostruzioni digitali, incontri e concerti.

La rappresentazione avverrà al tramonto attraverso ologrammi, app, realtà aumentata, ma anche incontri, musica, teatro, rievocazioni che renderanno l’atmosfera suggestiva.

Il progetto è intitolato 'Drawing Egnazia' ed è firmato dal S.a.c La via Traiana, da Cetma, Time Zones, Parco archeologico di Egnazia, in collaborazione con Soprintendenza e Polo museale. L’evento è stato presentato alla Bit di Milano, la “Borsa Internazionale del Turismo” che raduna per l’occasione operatori turistici, agenti di viaggio legati al settore della promozione turistica e ha promosso lo spettacolo dell'archeologia che si avvale della consulenza scientifica di Raffaella Cassano che trasformerà il parco in un'istallazione videoartistica per ipervisualizzarlo con ricostruzioni digitali.

Sul profilo delle vestigia ci saranno proiezioni frutto di software particolari in grado di sezionare e 'riedificare'. La realtà aumentata, gli ologrammi, il 3d sono i linguaggi utilizzati.

Lo spazio davanti alla spiaggia fungerà al contempo, da palco per gli incontri con Carlo Freccero, Franco Bolelli, Gennaro Nunziante. Ci saranno concerti che ospiteranno, in apertura, Wim Mertens e, poi, Joseph Leimberg, Chicos de Nazca, Tuxedomooon, Kawa Brothers e Caora Dhubh.