News

Antonio Andrea Gentile e Salvatore Modeo fanno parte di quella generazione di giovani adulti pugliesi che hanno bruciato le tappe investendo nella propria formazione e tuffandosi senza remore nelle rapide impetuose di opportunità offerte in questi anni dalle politiche giovanili e per l’innovazione della Regione Puglia. Da studenti brillanti, li abbiamo ritrovati imprenditori, startupper, inventori, relatori, “incubatori”, creativi e narratori. Hanno continuato a viaggiare tra Europa e Stati Uniti senza mai recidere il filo che li lega alle loro origini. Motori di iniziative e generatori instancabili di idee, hanno il sorriso di chi non perde un istante della propria vita in cose futili. Più che mere opportunità tecniche ed economiche, queste collaborazioni sono per il CETMA un dovere. Il dovere di sostenere i giovani talenti, la meritocrazia e la voglia di fare.

Chi è Antonio Andrea Gentile?

Fisico per passione e formazione, ricercatore presso la facoltà di Ingegneria per mestiere... startupper all'inizio per curiosità, dopo di che per convinzione. Penso sia una buona sintesi della mia stravagante carriera.

Di cosa si occupa la MRS Telecomunicazioni e quali sono le traiettorie di innovazione ad oggi individuate?

Come focus principale, MRS si occupa in maniera smart della manutenzione di apparecchiature impiegate nella produzione di “film sottili”. Per i non addetti ai lavori: una tecnologia che consente di conferire particolari proprietà di superficie ai materiali trattati, e che trova impiego in microelettronica, in ottica, nel solare... Di film sottili si parlava poco fino a pochi anni fa, ormai sono dappertutto ed iniziano ad essere noti anche al grande pubblico. Anche il crescente fenomeno dei “makers” sta alimentando la consapevolezza al riguardo.

Appunto la prima traiettoria di innovazione è stata il design di sistemi “plug-ins” per i macchinari industriali che sono coinvolti in questa produzione altamente specializzata, e che contribuissero a rendere la manutenzione più efficiente ed ecologica. Dopo ci siamo resi conto che uno dei cardini del nostro sistema, il “layer sacrificale”, poteva trovare impiego anche al di là dell'installazione del sistema. Abbiamo anche provato ad introdurlo in ambiti meno specializzati, ovunque la rimozione rapida ed efficace di strati sottili di materiale accumulato può rappresentare un problema (ad es. in camere di verniciatura).

Cosa si intende per “Material Recovery Systems”? Esiste un mercato della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti anche in settori tecnologicamente avanzati?

Certo! Direi che quel mercato esiste soprattutto in settori avanzati: banalmente quanto più aumenta la complessità di un prodotto, tanto più difficoltoso diventa in genere il suo smaltimento. Basti pensare a quanto può essere complicato smontare in pezzi rivendibili una bici da rottamare... piuttosto che un'automobile! Il problema è complicato dal fatto che il valore aggiunto dei prodotti più complessi può rendere poco conveniente il recupero degli scarti alle aziende produttrici, e questo limita ulteriormente il margine di azione dei progettisti che affrontano il problema.

Material Recovery Systems è un nome che appunto deriva dal concept del primo prodotto sviluppato da MRS. Quando dico “migliorare la manutenzione dei macchinari per produzione di film sottili”, infatti, mi riferisco soprattutto al problema del pulire questi macchinari dallo scarto di produzione... e riutilizzarne il più possibile! L'approccio di MRS è dedicato proprio ad agevolare questa fase di rimozione, e limita all'indispensabile le procedure di separazione dello sfrido nei singoli materiali, che nello stato dell'arte era il problema principale in fase di recupero.

Ci racconti qualcosa del sistema MRS per il recupero di materiali nei processi di deposizione di film sottile. Dove nasce l’idea e che diffusione potranno avere i prodotti-servizi ad essa collegati?

L'idea nasce originariamente dalla mia Tesi Triennale in Fisica, presso il Laboratorio di Nanotecnologie di Lecce (allora “NNL”). In sostanza, durante le deposizioni di film sottili in Oro, mi chiedevo se non ci fosse un'idea più furba, per rimuovere l'Oro accumulatosi con altri materiali sulle pareti (soprattutto Titanio e Nickel), del sabbiare le paratie interne ottenendo una polvere mista. Poi discutendone con un mio collega all'ISUFI, Salvatore Modeo, ora socio in MRS, è emerso come quella che era un'idea per innovare un processo poteva anche diventare una business idea.

Per quanto riguarda il funzionamento, oltre al già citato “strato sacrificale”, ovvero uno strato protettivo che si usa sulle paratie rimovibili e che può essere disciolto in fase di recupero, altro punto chiave del funzionamento del nostro sistema è l'aver introdotto paratie dinamiche all'interno del macchinario di deposizione. Queste infatti permettono di esporre parti diverse ai diversi flussi di materiale, evitando a monte il mescolamento di materiali che poi diviene complicato separare a valle.

Al momento i nostri clienti più promettenti sembrano essere quelli del rivestimenti ottici o solari, ma l'idea è di usarli come trampolino di lancio per penetrare anche altri mercati. MRS rimane comunque un'applicazione relativamente di nicchia.

La collaborazione con il CETMA. Benefici e impressioni raccolte durante l’esperienza di collaborazione.

Ottime impressioni e molti benefici. Soprattutto per una piccola start-up che spesso si trova in ristrettezze di personale (o equivalentemente, anche per aziende più grandi che però hanno poca struttura R&D), CETMA offre al contempo un'ampia varietà di professionalità al suo interno, ma al contempo ha una struttura sufficientemente snella da evitare di perdersi in lunghe trafile per individuare la persona giusta con cui parlare di un progetto. L'integrazione con opportunità di fondi regionali, nazionali ed europei conferisce poi ulteriore valore aggiunto.

Cosa si aspetta dal futuro?

In genere? La speranza è quella di incrociare nuove sfide ed occasioni per essere creativi, e coinvolgere altre persone creative. E di vedere nel nostro Paese progressivamente sempre meno burocrazia, lacci e balzelli senza senso, e più persone di buona volontà che si mettono in gioco. Qualcosa nel sistema-Paese sembra muoversi... e magari non è un moto apparente dovuto alla nostra posizione fin troppo dinamica!



Dissoluzione dello strato sacrificale per favorire il distacco del materiale depositato in superficie



Antonio Andrea Gentile

Amministratore Unico, MRS S.r.l.

Via IV Novembre, 86 – 73100 LECCE

tel. +39 328 2315945

antonio.gentile@mrssnc.com

www.mrssnc.com






VENTI.VOLTE.VOLTI. è un progetto della divisione di Design del CETMA.

© Copyright – CETMA 2016 - Tutti i diritti riservati

Ogni diritto sui contenuti del progetto è riservato ai sensi della normativa vigente. La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, di tutto il materiale originale contenuto nel progetto VENTI.VOLTE.VOLTI (tra cui testi, immagini ed elaborazioni grafiche) sono espressamente vietate in assenza di autorizzazione scritta.