News

RE4, coordinato da CETMA, tra i casi di successo nel panorama dei progetti europei

La Commissione Europea ha incluso il progetto RE4, coordinato da CETMA, nei casi di successo di H2020 (https://bit.ly/2Je7koO).
L’obiettivo del progetto, il cui nome sta per REuse and REcycling of pREfabricated elements for building REfurbishment and construction, è stato lo sviluppo di un nuovo concetto di edificio prefabbricato ed energeticamente efficiente, facilmente assemblabile e disassemblabile, realizzato per il 65% con materie prime seconde da costruzione e demolizione (CDW-Construction and Demolition Waste).
Il successo di RE4 si fonda su quattro pilastri: massimizzare quantità e qualità delle materie prime seconde; progettare componenti edilizi riutilizzabili a fine vita; migliorare la gestione dei CDW attraverso la digitalizzazione; facilitare l’accettazione da parte degli utenti finali dei prodotti realizzati con scarti da costruzione e demolizione.
Il progetto non si è concentrato solo sugli aspetti del riciclo, ma anche del riuso di componenti ed elementi edilizi in calcestruzzo e legno a fine vita, per reintrodurli nel ciclo produttivo.
Le soluzioni RE4 hanno riguardato diversi ambiti: lo sviluppo di processi di separazione dei CDW che si avvalgono di sistemi innovativi di classificazione nonché di robot automatizzati, dotati di sensori ed intelligenza artificiale; lo sviluppo di 5 nuovi materiali a base cementizia, 4 nuovi componenti (blocchi, pannelli in legno e isolanti, etc.), e 4 nuovi elementi prefabbricati, portanti e non; la definizione di nuove strategie per il il riuso di strutture e componenti a fine vita e un nuovo concept di edificio prefabbricato.
Si è inoltre sviluppato uno strumento decisionale compatibile con il protocollo BIM (Building Information Modeling) che supporti i committenti e le aziende preposte alle attività di costruzione / demolizione nello stimare la natura e la quantità dei rifiuti risultanti dalla fase di costruzione / demolizione, illustrando le opportunità di utilizzo ed i correlati riferimenti logistici.
Le soluzioni sviluppate sono state verificate industrialmente ed integrate e validate in 4 siti dimostratori in Europa (Spagna, Regno Unito e Italia) e a Taiwan, a dimostrazione dell’alto potenziale di trasferibilità.


Figura 1. Demo building realizzati presso il demo park di Acciona in Spagna (sx) e presso la sede produttiva di CREAGH in U.K. (dx)


Figura 2. Sito dimostratore in Italia, a Benevento (sx) e a Taiwan (dx)

E’ stato quantificato l’impatto positivo che queste soluzioni potranno avere sul mondo produttivo e sull’ambiente. I nuovi materiali e componenti realizzati con materie prime seconde permettono una riduzione del 50% delle emissioni di CO2, dell’energia e delle risorse utilizzate. Inoltre la loro produzione risulta essere del 20% meno costosa rispetto a materiali / componenti convenzionali. Infine, il progetto ha aperto la strada verso nuove opportunità di business e nuovi profili professionali “green”.

Per ulteriori informazioni:
Sonia Saracino – sonia.saracino@cetma.it
www.re4.eu

Link ai video di costruzione e decostruzione degli edifici dimostratori: http://www.re4.eu/demos