News

SENSMAT: Sviluppo di soluzioni innovative per preservare le opere d'arte conservate nei musei

Entra nel vivo il progetto H2020 SENSMAT, a cui CETMA partecipa insieme ad una squadra di 18 partner provenienti da tutta Europa (Francia, Germania, Austria, Svezia, Lussemburgo, Olanda, Italia).
I ricercatori dell’area di Modellistica e Simulazione di CETMA, in collaborazione con le Università di Venezia (IUAV) e di Stoccarda (USTUTT), stanno sviluppando un modello termo-fluidodinamico che simuli le condizioni ambientali all’interno del museo nei diversi periodi dell’anno. Il modello messo a punto consente di analizzare l’influenza di molteplici fattori: l’impianto di condizionamento, la radiazione solare, la struttura dell’edificio, la presenza di visitatori. Sarà possibile, quindi prevedere i valori di temperatura, umidità e velocità dell’aria in ogni punto dell’ambiente e, in particolare, sulla superficie delle opere d’arte.
Modelli numerici avanzati in fase di sviluppo consentiranno di analizzare anche gli effetti delle vibrazioni indotte sia dal contesto urbano (metropolitana e traffico veicolare) sia dalla presenza dei visitatori. Sarà altresì possibile valutare le sollecitazioni cui vanno incontro i beni culturali durante gli spostamenti da un museo ad un altro.
Attraverso tali strumenti di analisi è quindi possibile prevedere le condizioni ambientali che potrebbero arrecare danno alle opere esposte e valutare in anticipo l’efficacia delle azioni correttive.
Le soluzioni sviluppate saranno validate in diversi musei europei, mirando anche a colmare il divario tra i grandi musei e quelli minori in fatto di conservazione preventiva e salvaguardia del patrimonio culturale.

Per ulteriori informazioni:
Annalisa Cassinelli, CETMA | Area SIM – Modellistica e Simulazione; annalisa.cassinelli@cetma.it

Per approfondimenti:
www.sensmat.eu
https://www.linkedin.com/company/sensmat/